Deep web e dark web, cos’è e come funziona

Il web che tutti conosciamo non rappresenta che solo una parte delle pagine complessivamente disponibili online. Esiste infatti anche un web sommerso, sconosciuto ai più, che non è direttamente accessibile e che non è indicizzato dai motori di ricerca tradizionali (Google o Bing, per esempio).

Cos’è il deep web e quali sono le differenze rispetto al dark web

Il termine deep web si usa per riferirsi a quella porzione del web non indicizzata dai motori di ricerca.
Le pagine web che compongono il deep web non rappresentano una piccola ‘fetta’, tutt’altro: già nel 2000 si calcolò come il deep web fosse formato oltre 550 miliardi di documenti quando Google indicizzava appena 2 miliardi appartenenti al ‘web in chiaro’. Oggi si calcola che appena il 5% dei contenuti disponibili sul web siano indicizzati dai motori di ricerca.

L’uso del termine deep web non va confuso con dark web: con l’appellativo deep web si indicano quei contenuti che sono accessibili con un normale browser conoscendone l’indirizzo.

Powered by WPeMatico